9.2. Problemi di installazione

I problemi di installazione si verificano quando non è possibile effettuare un'installazione su un computer totalmente oppure non è possibile avviare il programma di installazione grafico. In questa sezione vengono illustrati alcuni problemi che possono verificarsi con le possibili soluzioni.

9.2.1. Nessuna unità CD ROM di avvio disponibile

Se il computer non contiene un'unità CD ROM o DVD ROM di avvio oppure quella disponibile non è supportata da Linux, esistono numerose opzioni per eseguire l'installazione sul computer senza l'utilizzo di un'apposita unità integrata.

Avvio da un disco floppy

Creare un disco floppy da utilizzare per l'avvio al posto di un CD o DVD.

Uso di un dispositivo di avvio esterno

Avviare l'installazione da un'unità CD o DVD esterna se questa operazione è supportata dal kernel di installazione e dal BIOS del computer.

Avvio dalla rete via PXE

Se un computer non dispone di un'unità CD ROM o DVD ROM ma è dotato di una connessione ethernet operativa, è possibile eseguire l'installazione completa mediante la rete. Per ulteriori informazioni, vedere la Sezione 1.1.3, "Installazione remota tramite VNC - Avvio PXE e Wake on LAN" (↑Riferimento) e la Sezione 1.1.6, "Installazione remota tramite SSH - Avvio PXE e Wake on LAN" (↑Riferimento).

9.2.1.1. Avvio da un disco floppy (SYSLINUX)

Alcuni computer antiquati possono non disporre di un'unità CD ROM di avvio ma solo di un'unità floppy. Per effettuare un'installazione in questi tipi di computer, creare dischi floppy di avvio e utilizzarli per avviare il sistema. Per istruzioni su come creare dischi di avvio con YaST, vedere la Sezione 2.9.3, "Dischi di avvio e di salvataggio".

I dischi di avvio includono il loader SYSLINUX e il programma linuxrc. SYSLINUX consente di selezionare un kernel durante il processo di avvio e di specificare i parametri necessari per l'hardware in uso. Il programma linuxrc supporta il caricamento dei moduli del kernel per l'hardware e successivamente avvia il processo di installazione.

In caso di avvio da un apposito disco, la procedura viene avviata dal boot loader SYSLINUX (pacchetto syslinux). Dopo l'avvio del sistema in SYSLINUX viene eseguito il controllo dei requisiti hardware minimi, costituito dai passaggi riportati di seguito.

  1. Viene verificato se il BIOS supporta un framebuffer compatibile con la tecnologia VESA 2.0 e viene quindi avviato il kernel corrispondente.

  2. Vengono letti i dati del monitor (informazioni DDC).

  3. Viene letto il primo blocco del primo disco rigido (MBR) per mappare gli ID del BIOS con i nomi dei dispositivi Linux durante la configurazione del boot loader. Il programma prova a leggere il blocco tramite le funzioni lba32 del BIOS per stabilire se quest'ultimo le supporta.

Per ignorare tutti questi passaggi, tenere premuto MAIUSC all'avvio di SYSLINUX. Per risolvere il problema, immettere la riga

verbose 1

in syslinux.cfg. Il boot loader visualizzerà l'azione in corso di esecuzione.

Se il computer non si avvia dal disco floppy, può essere opportuno modificare la sequenza di avvio nel BIOS impostandola su A,C,CDROM.

9.2.1.2. Dispositivi di avvio esterni

Sono supportate quasi tutte le unità CD ROM. Se il problema si verifica durante l'avvio dall'unità CD ROM, provare a eseguire l'avvio dal CD 2 del gruppo di CD.

Se il computer non dispone di un'unità CD ROM o floppy, è ancora possibile avviare il sistema da un'unità CD ROM esterna collegata mediante porta USB, FireWire o SCSI. Il buon esito di questa operazione dipende principalmente dall'interazione tra il BIOS e l'hardware in uso. In caso di problemi a volte può essere opportuno aggiornare il BIOS.

9.2.2. Non è possibile eseguire l'installazione o avviare il computer dal supporto di installazione

Sono due le cause che impediscono l'avvio di un computer per l'installazione:

l'unità CD ROM o DVD ROM non riesce a leggere l'immagine di avvio

È possibile che l'unità CD ROM non riesca a leggere l'immagine di avvio sul CD 1. In questo caso, utilizzare il CD 2 per avviare il sistema. Il CD 2, infatti, contiene un'immagine di avvio convenzionale di 2,88 MB che può essere letta anche dalle unità non supportate e consente di eseguire l'installazione in rete come descritto nel Capitolo 1, Installazione remota (↑Riferimento).

Sequenza di avvio errata nel BIOS

È possibile che nella sequenza di avvio del BIOS l'unità CD ROM sia impostata come primo elemento di avvio. Altrimenti, il tentativo di avvio verrà eseguito da un altro supporto, generalmente dal disco rigido. Per istruzioni su come cambiare la sequenza di avvio nel BIOS consultare la documentazione fornita con la scheda madre oppure i paragrafi seguenti.

Il BIOS corrisponde all'applicazione che attiva le funzioni essenziali di un computer. I fornitori di schede madri forniscono un BIOS specifico per il componente hardware venduto. Generalmente è possibile accedere alla configurazione del BIOS in un momento specifico: all'avvio del computer. Durante questa fase di inizializzazione il computer esegue numerosi test di diagnostica hardware, come ad esempio la verifica della memoria (caratterizzata da un contatore di memoria). Quando viene visualizzato il contatore, cercare la riga ( generalmente posizionata sotto al contatore o comunque nella parte inferiore) in cui viene indicato il tasto da premere per accedere alla configurazione del BIOS. In genere, viene specificato di premere Canc, F1 o Esc. Premere il tasto indicato finché non viene visualizzata la schermata di configurazione del BIOS.

Procedura 9.1. Cambio della sequenza di avvio nel BIOS

  1. Entrare nel BIOS premendo il tasto indicato durante la procedura di avvio e attendere che venga visualizzata la schermata di configurazione del BIOS.

  2. Per modificare la sequenza di avvio in un BIOS AWARD, individuare la voce BIOS FEATURES SETUP (CONFIGURAZIONE FUNZIONI BIOS). Il nome di questa voce può variare in base al produttore, come ad esempio ADVANCED CMOS SETUP (CONFIGURAZIONE AVANZATA CMOS). Una volta individuata la voce appropriata, selezionarla e confermare la selezione premendo Invio.

  3. Nella schermata che viene visualizzata individuare la voce secondaria chiamata BOOT SEQUENCE (SEQUENZA DI AVVIO). La sequenza di avvio viene spesso impostata su C,A, A,C o simili. Nel primo caso viene cercato un supporto di avvio prima nel disco rigido (C) e quindi nell'unità floppy (A). Per modificare le impostazioni, premere PgSu o PgGiù finché non viene visualizzata la sequenza A,CDROM,C.

  4. Uscire dalla schermata di configurazione del BIOS premendo Esc. Per salvare le modifiche apportate, scegliere SAVE (SALVA)& EXIT SETUP (ESCI DALL'INSTALLAZIONE) oppure premere F10. Per confermare che si desidera salvare le impostazioni, scegliere Y (S).

Procedura 9.2. Cambio della sequenza di avvio in un BIOS SCSI (scheda host Adaptec)

  1. Aprire la schermata di configurazione premendo Ctrl-A.

  2. Selezionare Disk Utilities (Utility disco) per visualizzare i componenti hardware connessi.

    Annotare l'ID SCSI dell'unità CD ROM installata.

  3. Uscire dal menu premendo Esc.

  4. Aprire Configure Adapter Settings (Configura impostazioni scheda). In Additional Options (Opzioni aggiuntive) selezionare Boot Device Options (Opzioni dispositivo di avvio) e premere Invio.

  5. Immettere l'ID dell'unità CD ROM e premere di nuovo Invio.

  6. Premere due volte Esc per tornare alla schermata di avvio del BIOS SCSI.

  7. Uscire dalla schermata e confermare l'avvio del computer scegliendo Yes (Sì).

Quasi tutte le configurazioni BIOS utilizzano il layout di tastiera USA, indipendentemente dalla lingua e dal layout di tastiera utilizzati dall'installazione finale, come illustrato nella figura seguente:

Figura 9.1. Layout di tastiera USA

Layout di tastiera USA

9.2.3. Impossibile completare l'installazione ed eseguire l'avvio dal computer

A volte non è possibile installare alcuni tipi di hardware, generalmente quelli più antiquati o più recenti. Ciò dipende principalmente dal mancato supporto dell'hardware nel kernel dell'installazione o da alcune funzionalità incluse nel kernel, ad esempio ACPI, ancora in conflitto con alcuni hardware.

Se non è possibile effettuare l'installazione in modalità di Installazione standard dalla prima schermata di avvio dell'installazione, provare a eseguire le operazioni riportate di seguito.

  1. Accertarsi che il primo CD o DVD sia ancora inserito nell'unità CD ROM, quindi riavviare il computer premendo Ctrl-Alt-Canc oppure il pulsante di ripristino dell'hardware.

  2. Quando viene visualizzata la schermata di avvio, spostarsi sulla voce Installation--ACPI Disabled (Installazione--ACPI disabilitato) mediante i tasti di direzione, quindi premere Enter per eseguire l'avvio e il processo di installazione. Questa opzione disabilita il supporto delle tecniche di risparmio energetico ACPI.

  3. Continuare con il processo di installazione come descritto nel Capitolo 1, Installazione con YaST.

Se l'installazione non riesce, riprovare seguendo le istruzioni sopra menzionate ma scegliendo Installation--Safe Settings (Installazione--Impostazioni di sicurezza). Questa opzione disabilita il supporto ACPI e DMA e consente l'avvio di quasi tutti i componenti hardware.

Se nonostante l'esecuzione di queste due operazioni l'installazione non riesce, utilizzare il prompt delle opzioni di avvio per passare al kernel di installazione i parametri aggiuntivi necessari a supportare questo tipo di hardware. Per ulteriori informazioni sui parametri disponibili come opzioni di avvio, fare riferimento alla documentazione sul kernel disponibile in /usr/src/linux/Documentation/kernel-parameters.txt.

[Tip]Documentazione sul kernel

Per consultare la documentazione sul kernel, installare il pacchetto kernel-source.

Esistono molti altri parametri del kernel ACPI che è possibile immettere al prompt di avvio prima di avviare l'installazione:

acpi=off

Questo parametro disabilita il il sottosistema ACPI completo sul computer. Questa operazione è utile se il computer non supporta la gestione ACPI oppure se si ritiene che il sistema ACPI provochi problemi sul computer in uso.

acpi=force

Abilita sempre il sistema ACPI, anche se il computer dispone di un BIOS antecedente all'anno 2000. Questo parametro abilita l'ACPI anche se viene specificato insieme a acpi=off.

acpi=noirq

Non utilizzare ACPI per l'instradamento IRQ.

acpi=ht

Esegui ACPI solo per un numero sufficiente di volte al fine di abilitare l'iper-threading.

acpi=strict

Meno tollerante con piattaforme che non sono rigorosamente compatibili alle specifiche ACPI.

pci=noacpi

Disabilita l'instradamento IRQ PCI del nuovo sistema ACPI.

Per ulteriori informazioni su questi argomenti, cercare gli articoli relativi al database del supporto tecnico immettendo la parola chiave "acpi" in https://portal.suse.com.

Dopo aver individuato la combinazione di parametri appropriata, questi verranno automaticamente salvati nella configurazione del boot loader per garantire il corretto avvio del sistema in futuro.

Se durante il caricamento del kernel o il processo di installazione si verificano degli errori inspiegabili, scegliere Memory Test (Prova memoria) nel menu di avvio per verificare la memoria. Se Memory Test (Prova memoria) restituisce un errore, generalmente si tratta di un errore hardware.

9.2.4. Impossibile installare il programma di installazione grafico sul computer

Dopo aver inserito il primo CD o DVD nell'apposita unità e avere riavviato il computer, viene visualizzata la schermata di installazione. Tuttavia, quando si seleziona Installation (Installazione), il programma di installazione grafico non viene avviato.

Per risolvere questo problema, provare a eseguire una delle operazioni riportate di seguito.

  • Provare a scegliere un'altra risoluzione dello schermo per le finestre di dialogo di installazione.

  • Scegliere Text Mode (Modalità testo) per l'installazione.

  • Eseguire un'installazione remota via VNC con il programma di installazione grafico.

Per modificare la risoluzione dello schermo per l'installazione, eseguire le operazioni riportate di seguito.

  1. Effettuare l'avvio per l'installazione.

  2. Premere due volte F3 per aprire un menu che consente di selezionare una risoluzione inferiore per l'installazione.

  3. Scegliere Installation (Installazione) e continuare il processo di installazione come descritto nel Capitolo 1, Installazione con YaST.

Per eseguire un'installazione in modalità testo, eseguire le operazioni riportate di seguito.

  1. Effettuare l'avvio per l'installazione.

  2. Premere due volte F3, quindi scegliere Text Mode (Modalità testo).

  3. Scegliere Installation (Installazione) e continuare il processo di installazione come descritto nel Capitolo 1, Installazione con YaST.

Per eseguire un'installazione VNC, procedere come indicato di seguito:

  1. Effettuare l'avvio per l'installazione.

  2. Al prompt delle opzioni di avvio immettere il testo seguente:

    vnc=1 vncpassword=some_password

    Al posto di some_password immettere la password che si desidera utilizzare per l'installazione.

  3. Scegliere Installation (Installazione), quindi premere Enter per avviare l'installazione.

    Anziché iniziare proprio dalla procedura di installazione grafica, il sistema continua ad essere eseguito in modalità testo, quindi si interrompe e viene visualizzato un messaggio contenente l'indirizzo IP e il numero di porta che è necessario specificare per accedere al programma di installazione da un'interfaccia browser o un'applicazione di visualizzazione VNC.

  4. Se per accedere al programma di installazione si utilizza un browser, avviarlo e specificare le informazioni sull'indirizzo del futuro computer SUSE Linux fornite durante le procedure di installazione, quindi premere Enter:

    http://indirizzo_ip_del_computer:5801

    Nel browser verrà aperta una finestra di dialogo in cui viene di immettere la password VNC. Digitare la password e procedere con il processo di installazione come descritto nel Capitolo 1, Installazione con YaST.

    [Important]Importante

    Il processo di installazione via VNC funziona con qualsiasi browser e sistema operativo, purché sia abilitato il supporto Java.

    Se si utilizza un programma di visualizzazione VNC sul sistema operativo preferito, immettere l'indirizzo IP e la password quando richiesto. Verrà aperta una schermata con le finestre di dialogo di installazione. Continuare con il normale processo di installazione.

9.2.5.  Il computer si avvia ma viene visualizzata una schermata di avvio essenziale

Dopo ave inserito il primo CD o DVD nell'apposita unità e aver completato le procedure di avvio del BIOS, anzichè venire visualizzata la schermata di avvio grafica appare un'interfaccia di testo molto essenziale. È possibile che il computer non supporti una memoria grafica sufficiente per il rendering di una schermata di avvio grafica.

La schermata di avvio di testo, benché apparentemente essenziale, fornisce quasi le stesse funzionalità di quella grafica:

Opzioni di avvio

A differenza dell'interfaccia grafica, non è possibile selezionare le varie opzioni di avvio con i tasti di direzione della tastiera. Nel menu di avvio della schermata di avvio in modalità testo sono disponibili alcune parole chiave che è necessario immettere al prompt di avvio. Queste parole chiave vengono mappate con le opzioni disponibili nella versione grafica. Immettere le informazioni richieste, quindi premere Enter per iniziare il processo di avvio.

Opzioni di avvio personalizzate

Dopo aver selezionato un'opzione di avvio, immettere la parola chiave appropriata al prompt oppure alcune opzioni di avvio personalizzate come descritto nella Sezione 9.2.3, "Impossibile completare l'installazione ed eseguire l'avvio dal computer". Per avviare il processo di installazione, premere Enter.

Risoluzioni dello schermo

Per impostare la risoluzione dello schermo per l'installazione, utilizzare i tasti F. Per effettuare l'avvio in modalità testo, premere F3.