9.6. Problemi di dati

I problemi di dati si verificano quando non è possibile avviare il computer correttamente oppure è possibile avviarlo ma è evidente che i dati del sistema sono danneggiati e quindi è necessario eseguire un ripristino. In questi casi è generalmente necessario eseguire un backup dei dati più importanti per consentire il ripristino dello stato corrente appena prima dell'errore. SUSE Linux offre moduli YaST dedicati per il backup e il ripristino del sistema nonché un metodo di salvataggio che è possibile utilizzare per il recupero di un sistema danneggiato dall'esterno.

9.6.1. Backup dei dati critici

Le operazioni di backup del sistema possono essere facilmente gestite dal modulo YaST System Backup:

  1. Avviare YaST come root, quindi scegliere System (Sistema)+System Backup (Backup di sistema).

  2. Creare un profilo di backup contenente tutti i dettagli sul backup: il nome del file di archivio, l'ambito e il tipo di backup:

    1. Scegliere Profile Management (Gestione profili)+Add (Aggiungi).

    2. Specificare un nome per l'archivio.

    3. Immettere il percorso della locazione della copia di backup per mantenere una copia di backup locale. Per archiviare la copia di backup su un server di rete (via NFS), immettere l'indirizzo IP o il nome del server e la directory che dovrà contenere l'archivio.

    4. Specificare il tipo di archivio, quindi fare clic su Next (Avanti).

    5. Specificare le opzioni di backup desiderate, ad esempio se includere nel processo di backup anche i file che non fanno parte di un pacchetto e se l'elenco dei file deve essere visualizzato prima della creazione dell'archivio. Specificare inoltre se i file modificati devono essere identificati con il meccanismo MD5, particolarmente lento.

      Scegliere Expert (Avanzate) per aprire una finestra di dialogo che consente di eseguire il backup di tutte le aree del disco rigido. Questa opzione è attualmente disponibile solo per il file system Ext2.

    6. Infine, impostare i vincoli di ricerca in modo da escludere dal processo di backup le aree di sistema non necessarie, ad esempio i file di blocco o della cache. Aggiungere, modificare o eliminare gli elementi in base alle proprie esigenze, quindi chiudere la finestra di dialogo selezionando OK.

  3. Dopo aver configurato il profilo, è possibile avviare subito il processo di backup scegliendo Create Backup (Crea backup) oppure configurare un backup automatico. È anche possibile creare altri profili personalizzati per scopi specifici.

Per configurare un backup automatico per un determinato profilo, eseguire le operazioni riportate di seguito:

  1. Scegliere Automatic Backup (Backup automatico) dal menu Profile Management (Gestione profili).

  2. Selezionare Start Backup Automatically (Avvia backup automaticamente).

  3. Specificare la frequenza di backup scegliendo daily (giornaliera), weekly (settimanale) o monthly (mensile).

  4. Specificare l'ora di avvio del backup. Le impostazioni disponibili dipendono dalla frequenza di backup selezionata.

  5. Specificare se si desidera mantenere le precedenti copie di backup e il numero di copie. Per ricevere un messaggio generato automaticamente sullo stato del processo di backup, selezionare Send Summary Mail to user root (Invia mail riassuntiva a utente root).

  6. Scegliere OK per applicare le impostazioni specificate. Il primo processo di backup verrà avviato all'ora specificata.

9.6.2. Ripristino di un backup di sistema

Utilizzare il modulo YaST System Restoration per ripristinare la configurazione del sistema una copia di backup a un'altra. È possibile ripristinare l'intera copia di backup oppure selezionare componenti specifici che, essendo danneggiati, devono essere riportati allo stato precedente.

  1. Avviare YaST+System (Sistema)+System Restoration (Ripristino sistema).

  2. Immettere la locazione del file di backup vale a dire un file locale, un file montato in rete o un file su un disco rimovibile quale floppy o CD. Fare quindi clic su Next (Avanti).

    Nella finestra di dialogo seguente viene visualizzato un riepilogo delle proprietà di archivio, ad esempio il nome del file, la data di creazione, il tipo di backup e altri commenti opzionali.

  3. Per esaminare il contenuto archiviato, scegliere Archive Content (Contenuto archivio). Scegliere OK per tornare alla finestra di dialogo Archive Properties (Proprietà archivio).

  4. Scegliere Expert Options (Opzioni avanzate) per aprire una finestra di dialogo che consente di ottimizzare il processo di ripristino. Ritornare alla finestra di dialogo Archive Properties (Proprietà archivio) scegliendo OK.

  5. Scegliere Next (Avanti) per aprire l'elenco dei pacchetti da ripristinare.

    Scegliere Accept (Accetto) per ripristinare tutti i file inclusi nell'archivio, oppure utilizzare i pulsanti del menu Select All (Seleziona tutto), Deselect All (Deseleziona tutto) e Select Files (Seleziona file) per ottimizzare la selezione. Selezionare l'opzione Restore RPM database (Ripristina database RPM) solo se il database è danneggiato oppure è stato eliminato e il file è incluso nel processo di backup.

  6. Selezionare Accept (Accetto). Verrà avviato il processo di backup. Scegliere Finish (Fine) per uscire dal modulo al termine del processo di ripristino.

9.6.3. Recupero di un sistema danneggiato

Sono molti i motivi che possono impedire l'avvio e l'esecuzione corretti di un sistema. I più comuni sono costituiti da un file system danneggiato dopo un crash di sistema, oppure da file di configurazione danneggiati o da una configurazione danneggiata del boot loader.

SUSE Linux supporta un front-end grafico per la correzione degli errori di sistema. Nella sezione seguente verrà illustrato il modulo YaST System Repair.

SUSE Linux offre due diversi metodi per far fronte a questa situazione. È possibile utilizzare la funzionalità di YaST System Repair o avviare il sistema di salvataggio. Le seguenti sezioni trattano entrambi i metodi di riparazione del sistema.

9.6.3.1. Benvenuti in YaST System Repair

Prima di avviare il modulo YaST System Repair, determinare quale modalità di esecuzione risponde meglio alle proprie necessità. A seconda della severità e del motivo dell'errore di sistema e della propria esperienza, vi sono tre modalità fra le quali scegliere:

Riparazione automatica

Se l'errore di sistema si è verificato per cause sconosciute e, in pratica, non si è a conoscenza di quale parte del sistema abbia causato l'errore, utilizzare Riparazione automatica. Verrà eseguito un controllo completo su tutti i componenti del sistema installato. Per ulteriori informazioni dettagliate su questa procedura, vedere la Sezione 9.6.3.1.1, "Riparazione automatica".

Riparazione personalizzata

Se l'errore di sistema si è verificato per cause note e si è a conoscenza di quali componenti abbiano causato l'errore, sarà possibile ridurre il lungo processo di verifica del sistema con Riparazione automatica, limitando l'analisi del sistema a tali componenti. Ad esempio, se i messaggi di sistema prima dell'errore di sistema indicavano un problema con il pacchetto database, sarà possibile limitare la procedura di analisi e riparazione a questo componente del sistema. Per ulteriori informazioni dettagliate su questa procedura, vedere la Sezione 9.6.3.1.2, "Riparazione personalizzata".

Strumenti avanzati

Se si possiede già una chiara idea di quali componenti abbiano generato l'errore e di come risolverlo, sarà possibile evitare l'analisi e applicare direttamente gli strumenti necessari per la riparazione dei rispettivi componenti. Per ulteriori informazioni, vedere la Sezione 9.6.3.1.3, "Strumenti avanzati".

Selezionare una delle modalità di riparazione descritte in precedenza e procedere con la riparazione del sistema come spiegato nelle sezioni successive.

9.6.3.1.1. Riparazione automatica

Per avviare la modalità di riparazione automatica di YaST System Repair, procedere come segue:

  1. Avviare il sistema con il supporto di installazione originale utilizzato per la prima installazione (come indicato nel Capitolo 1, Installazione con YaST).

  2. Selezionare la modalità di installazione Ripara sistema installato.

  3. Selezionare Riparazione automatica.

    YaST avvierà quindi un'analisi completa del sistema installato. L'avanzamento della procedura viene visualizzato nella parte inferiore dello schermo per mezzo di due barre di progresso. La barra superiore mostra il progresso del test correntemente in esecuzione, mentre la barra inferiore mostra il progresso complessivo del processo di analisi. La finestra di registro nella sezione superiore tiene traccia del test in esecuzione e dei risultati. Vedere la Figura 9.2, "Modalità Riparazione automatica". I seguenti test principali vengono avviati ad ogni esecuzione e, a turno, avviano una serie di test secondari.

    Figura 9.2. Modalità Riparazione automatica

    Modalità Riparazione automatica
    Tabelle delle partizioni di tutti i dischi rigidi

    Verifica la validità e la coerenza delle tabelle delle partizioni di tutti i dischi rigidi rilevati.

    Partizioni swap

    Vengono rilevate e controllate le partizioni swap installate del sistema e viene inoltre offerta la possibilità di attivarle quando appropriato. È consigliabile attivarle, in modo da ridurre il tempo necessario alla riparazione del sistema.

    File system

    Tutti i file system rilevati sono soggetti a una verifica specifica.

    Voci nel file /etc/fstab

    Viene controllata completezza e coerenza delle voci nel file e tutte le partizioni valide vengono montate.

    Configurazione bootloader

    Viene controllata completezza e coerenza della configurazione del bootloader del sistema installato (GRUB o LILO). I dispositivi di avvio e radice vengono esaminati e viene esaminata la disponibilità del modulo initrd.

    Database dei pacchetti

    Verifica se sono presenti tutti i pacchetti necessari per il funzionamento di un'installazione minima. Sebbene facoltativamente sia possibile analizzare i pacchetti di base, questa operazione impiega molto tempo a causa del grande numero di essi.

  4. Quando viene rilevato un errore la procedura si interrompe e si apre una finestra di dialogo che indica dettagli e possibili soluzioni.

    Leggere con attenzione i messaggi visualizzati prima di accettare la correzione proposta. Se si decide di non accettare una delle soluzioni proposte, il sistema non verrà modificato.

  5. Al termine della procedura di riparazione fare clic su OK e Fine, quindi rimuovere i supporti di installazione. Il sistema si riavvierà automaticamente.

9.6.3.1.2. Riparazione personalizzata

Per avviare la modalità Riparazione personalizzata e selezionare determinati componenti del sistema installato, procedere come segue:

  1. Avviare il sistema con il supporto di installazione originale utilizzato per la prima installazione (come indicato nel Capitolo 1, Installazione con YaST).

  2. Selezionare la modalità di installazione Ripara sistema installato.

  3. Selezionare Riparazione personalizzata.

    Selezionando Riparazione personalizzata viene mostrato un elenco di test che verranno eseguiti per primi. Il numero totale di test equivale a quelli della riparazione automatica. Se si è sicuri che non vi siano problemi in determinate aree, deselezionare i test corrispondenti. Facendo clic su Avanti si avvia una serie ridotta di test che verranno eseguiti in minor tempo.

    Non è possibile applicare individualmente tutti i gruppi di test. L'analisi delle voci di fstab è sempre legata ad un'analisi dei file system, comprese le partizioni swap esistenti. YaST risolve automaticamente tali dipendenze selezionando il minor numero di test da eseguire.

  4. Quando viene rilevato un errore la procedura si interrompe e si apre una finestra di dialogo che indica dettagli e possibili soluzioni.

    Leggere con attenzione i messaggi visualizzati prima di accettare la correzione proposta. Se si decide di non accettare una delle soluzioni proposte, il sistema non verrà modificato.

  5. Al termine della procedura di riparazione fare clic su OK e Fine, quindi rimuovere i supporti di installazione. Il sistema si riavvierà automaticamente.

9.6.3.1.3. Strumenti avanzati

Se si conosce a fondo SUSE Linux e si ha già un'idea chiara di cosa deve essere riparato nel sistema, utilizzare lo strumento direttamente senza passare attraverso l'analisi del sistema.

Per utilizzare la funzione Strumenti avanzati del modulo YaST System Repair, procedere come segue:

  1. Avviare il sistema con il supporto di installazione originale utilizzato per la prima installazione (come indicato nel Capitolo 1, Installazione con YaST).

  2. Selezionare la modalità di installazione Ripara sistema installato.

  3. Selezionare Strumenti avanzati.

    Per riparare il sistema difettoso, selezionare una o più delle opzioni seguenti:

    Installa nuovo boot loader

    Avvia il modulo di configurazione boot loader di YaST. Per ulteriori dettagli, vedere la Sezione 9.3, "Configurazione del boot loader con YaST" (↑Riferimento).

    Esegui strumento di partizionamento

    Avvia lo strumento avanzato di partizionamento di YaST. Per ulteriori dettagli, vedere la Sezione 2.9.5, "Partizionamento".

    Ripara file system

    Controlla i file system del sistema installato. Vengono mostrate le partizioni rilevate, fra le quali è possibile scegliere quelle da controllare.

    Ripristina partizioni perdute

    È possibile tentare la ricostruzione di tabelle delle partizioni danneggiate. Viene visualizzato un elenco dei dischi rigidi rilevati che è possibile selezionare. Fare clic su OK per avviare l'analisi. Questa operazione richiederà alcuni minuti, a seconda della potenza del processore e delle dimensioni del disco rigido.

    [Important]Ricostruzione di una tabella delle partizioni

    La ricostruzione di una tabella delle partizioni non è semplice. YaST tenta di riconoscere le partizioni eliminate analizzando i settori dei dati del disco rigido. Quando riconosciute, le partizioni eliminate vengono aggiunte alla tabella delle partizioni ricostruita. Questa operazione non sempre va a buon fine.

    Salva su disco le impostazioni di sistema

    Questa opzione consente di salvare importanti file di sistema su disco floppy. Nel caso in cui uno di questi file venga danneggiato, potrà essere recuperato dal dischetto.

    Verifica software installato

    Verifica la coerenza del database pacchetti e la disponibilità dei pacchetti più importanti. Con questo strumento è possibile reinstallare qualsiasi pacchetto danneggiato.

  4. Al termine della procedura di riparazione fare clic su OK e Fine, quindi rimuovere i supporti di installazione. Il sistema si riavvierà automaticamente.