32.4. Configurazione di SCPM utilizzando la riga di comando

In questa sezione viene presentata la configurazione di SCPM utilizzando la riga di comando. Viene descritto il modo in cui avviare, configurare la riga di comando e lavorare con i profili.

32.4.1. Avvio di SCPM e definizione dei gruppi di risorse

SCPM deve essere attivato prima dell'uso. È possibile attivarlo con scpm enable. Quando viene eseguito per la prima volta, SCPM viene inizializzato, operazione che richiede qualche secondo. Disattivare SCPM con scpm disable in qualsiasi momento per evitare un involontario cambiamento ai profili. Una successiva riattivazione, consente semplicemente di riprendere l'inizializzazione.

Come impostazione predefinita, SCPM gestisce le impostazioni di rete e della stampante nonchè la configurazione di X.Org. Per la gestione di servizi speciali o di file di configurazione, attivare i rispettivi gruppi di risorse. Per elencare i gruppi di risorse predefiniti, utilizzare scpm list_groups. Per vedere solo i gruppi già attivati, utilizzare scpm list_groups -a. Emettere questi comandi come root sulla riga di comando.

scpm list_groups -a

nis                 Network Information Service client
mail                Mail subsystem
ntpd                Network Time Protocol daemon
xf86                X Server settings
autofs              Automounter service
network             Basic network settings
printer             Printer settings

Attivare o disattivare un gruppo con scpm activate_group NAME oscpm deactivate_group NAME. SostituireNOME con il relativo nome gruppo.

32.4.2. Creazione e gestione dei profili

Un profilo chiamato predefinito esiste già dopo l'attivazione di SCPM. Con scpm list è possibile ottenere una lista dei profili disponibili. L'unico profilo esistente è anche quello attivo, che può essere verificato con scpm active. Il profilo predefinito è una configurazione principale dalla quale derivano gli altri profili. Per questa ragione, tutte le impostazioni che devono essere identiche in tutti i profili, devono essere immesse per prime. Quindi salvare queste modifiche nel profilo attivo conscpm reload. Il profilo predefinito può essere copiato e rinominato come base per nuovi profili.

Esistono due modi per aggiungere un profilo. Se il nuovo profilo (chiamato lavoro) deve essere creato sulla base del profilo predefinito, crearlo con scpm copy default work. Il comando scpm switch work consente di passare al nuovo profilo che può essere modificato. È possibile modificare la configurazione del sistema per fini speciali e salvare le modifiche in un nuovo profilo. Il comando scpm add work consente di creare un nuovo profilo salvando la configurazione del sistema corrente nel profilo work contrassegnandola come attiva. L'esecuzione del comando scpm reload consente di salvare le modifiche al profilo lavoro.

È possibile rinominare o cancellare i profili con i comandi scpm rename x y e scpm delete z. Ad esempio, per rinominarelavoro con progetto, immettere scpm rename work project. Per cancellare progetto, immettere scpm delete project. impossibile eliminare il profilo attivo

32.4.3. Modifica ai profili di configurazione

Il comando scpm switch work passa a un altro profilo (il profilo lavoro, in questo caso). Passare al profilo attivo per inserire nel profilo le impostazioni modificate della configurazione del sistema. Questa operazione corrisponde al comando scpm reload.

Quando si modificano i profili SCPM consente in primo luogo di controllare quali risorse del profilo attivo sono state modificate. Effettua poi delle interrogazioni per sapere se le modifiche a ciascuna risorsa devono essere aggiunte al profilo attivo o rilasciate. Se si preferisce una lista separata delle risorse, (come nelle precedenti versioni di SCPM), utilizzare il comando switch con il parametro -r: scpm switch -r work.

scpm switch -r work.

Controllo delle risorse modificate 
Controllo delle risorse da avviare/chiudere 
Controllo delle dipendenze 
Ripristino del profilo predefinito 

SCPM confronta poi la configurazione attuale del sistema con il profilo al quale passare. In questa fase, SCPM valuta quali servizi di sistema devono essere fermati o riavviati a causa delle reciproche dipendenze o per rispecchiare le modifiche all'interno della configurazione. Questa fase è analoga a un riavvio parziale del sistema che riguarda solo una piccola parte di esso mentre il resto continua a funzionare senza modifiche. Solo a questo punto i servizi di sistema vengono fermati, vengono scritte tutte le risorse modificate come i file di configurazione e i servizi di sistema riavviati.

32.4.4. Impostazioni avanzate dei profili

È possibile inserire una descrizione per ogni profilo che viene visualizzato con scpm list. Per il profilo attivo, impostarla con scpm set description "text". Fornire il nome del profilo per i profili non attivi, ad esempio, scpm set description "text" work. A volte, durante la modifica dei profili, potrebbe essere utile eseguire altre operazioni che non sono previste da SCPM. Allegare fino a quattro eseguibili per ciascun profilo. Vengono invocati in fasi diverse del processo di modifica. Queste fasi vengono chiamate:

Prearresto

prima di fermare i servizi quando si esce dal profilo

Postarresto

dopo aver fermato i servizi quando si esce dal profilo

Preavvio

prima di avviare i servizi quando si attiva il profilo

Postavvio

dopo aver avviato i servizi quando si attivano i profili

Inserire queste azioni con il comando set immettendo scpm set prestop filename, scpm set poststop filename, scpm set prestart filename, oscpm set poststart filename. Gli script devono essere eseguibili e fare riferimento al giusto interprete.

[Warning]Integrazione di uno script personalizzato

Altri script che devono essere eseguiti da SCPM devono essere leggibili ed eseguibili per il superutente (root). L'accesso a questi file deve essere bloccato per tutti gli altri utenti. Immettere i comandi chmod 700 filename e chown root:root filename per dare a root permessi di accesso esclusivi ai file.

Interrogare tutte le altre impostazioni immesse con set e con get. Il comando scpm get poststart, ad esempio, restituisce il nome della chiamata del postavvio o semplicemente nulla se non è stato allegato nulla. Ripristinare queste impostazioni sovrascrivendole con "". Il comando scpm set prestop "" rimuove il programma di prearresto allegato.

Tutti i comandiset e get possono essere applicati a un profilo arbitrario nello stesso modo in cui si aggiungono i commenti. Ad esempio, scpm get prestop filename work o scpm get prestop work.