22.4. Esportazione manuale di file system

Se non si desidera utilizzare YaST, verificare che i sistemi seguenti siano in esecuzione sul server NFS:

Per consentire l'avvio di questi servizi mediante gli script /etc/init.d/portmap e /etc/init.d/nfsserver all'avvio del sistema, immettere i comandi insserv /etc/init.d/nfsserver e insserv /etc/init.d/portmap. Nel file di configurazione /etc/exports definire inoltre quali file system dovranno essere esportati e i relativi host di destinazione.

Per ogni directory da esportare è necessario inserire una riga per l'impostazione dei computer a cui è consentito accedere alla directory con determinate autorizzazioni. Vengono esportate automaticamente anche tutte le sottodirectory della directory. I computer autorizzati vengono solitamente specificati con nomi completi (incluso il nome di dominio), tuttavia è possibile utilizzare caratteri jolly, ad esempio * o ? (con la stessa modalità di espansione della shell bash). Se non si specificano computer, l'importazione di questo file system con le autorizzazioni date sarà consentita a qualsiasi computer.

Impostare le autorizzazioni per il file system da esportare racchiudendole tra parentesi dopo il nome del computer. Le opzioni più importanti sono illustrate nella Tabella 22.1, "Autorizzazioni per il file system esportato".

Tabella 22.1. Autorizzazioni per il file system esportato

Opzione

Descrizione

ro

Il file system viene esportato con l'autorizzazione Sola lettura (default).

rw

Il file system viene esportato con l'autorizzazione Lettura/scrittura.

root_squash

Assicura che all'utente root di un computer di importazione non siano assegnate autorizzazioni root su questo file system. Per ottenere questo risultato, assegnare l'ID utente 65534 agli utenti con ID utente 0 (root). Questo ID utente dovrà essere impostato su nobody (che corrisponde all'impostazione di default).

no_root_squash

Non assegna l'ID utente 0 all'ID utente 65534, mantenendo la validità delle autorizzazioni root.

link_relative

Converte i collegamenti assoluti, ovvero quelli che iniziano con /, in una sequenza di ../. Questa opzione è utile solo se viene montato l'intero file system di un computer (default).

link_absolute

I collegamenti simbolici rimangono invariati.

map_identity

Gli ID utente sono esattamente gli stessi sul client e sul server (default).

map_daemon

Gli ID utente sul client e sul server non sono corrispondenti. Questa opzione indica a nfsd di creare una tabella di conversione per gli ID utente. Per l'esecuzione di questa operazione è necessario il daemon ugidd.

Il file exports potrebbe essere analogo a quello riportato nell'Esempio 22.1, "/etc/exports". Il file /etc/exports viene letto da mountd e da nfsd. Se il contento di questo file viene modificato, riavviare mountd e nfsd per rendere effettive le modifiche. Questa operazione può essere eseguita facilmente mediante rcnfsserver restart.

Esempio 22.1. /etc/exports

#
# /etc/exports
#
/home            sun(rw)   venus(rw)
/usr/X11         sun(ro)   venus(ro)
/usr/lib/texmf   sun(ro)   venus(rw)
/                earth(ro,root_squash)
/home/ftp        (ro)
# End of exports