Capitolo 14. Suono in Linux

Sommario

14.1. Mixer
14.2. Lettori multimediali
14.3. CD - Riproduzione e copia
14.4. Registrazione su disco rigido con Audacity
14.5. Riproduzione e registrazione diretta di file WAV

Estratto

Linux include un'ampia gamma di applicazioni audio e multimediali. Alcune di queste applicazioni fanno parte di uno degli ambienti desktop principali. Le applicazioni descritte in questo capitolo consentono di controllare il volume e il bilanciamento della riproduzione, di riprodurre CD e file musicali, nonché di registrare e comprimere i dati audio.


14.1. Mixer

I mixer forniscono uno strumento per il controllo del volume e il bilanciamento dell’audio in uscita e in entrata nel computer. La differenza principale tra i vari mixer consiste nell'aspetto dell'interfaccia utente. Esistono tuttavia numerosi mixer progettati per componenti hardware specifici. envy24control, ad esempio, è un mixer per il chip audio Envy 24, mentre hdspmixer è progettato per le schede RME Hammerfall. È possibile selezionare il mixer più adatto alle proprie esigenze tra quelli disponibili.

[Tip]Avvio del mixer

È in genere consigliabile avviare il mixer prima di aprire altre applicazioni audio. Utilizzare il mixer per verificare e regolare le impostazioni di controllo dell'audio in uscita e in entrata nella scheda audio.

14.1.1. Applet del mixer di KDE

KMix è l'applicazione di default del mixer di KDE. Si tratta di un'applet integrata del pannello di KDE e collocata sulla barra delle applicazioni. Fare clic sull'icona (un altoparlante) del pannello per controllare il volume degli altoparlanti mediante l'apposito dispositivo di scorrimento. Per visualizzare il menu di scelta rapida di KMix, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona. Selezionare Mute (Disattiva audio) per disattivare l'output audio. L'aspetto dell'icona del pannello viene quindi modificato. Se si fa di nuovo clic su Mute (Disattiva audio) il volume viene riattivato. Per ottimizzare le impostazioni dell'audio, selezionare Show Mixer Window (Mostra finestra del mixer) e configurare Output (Output), Input (Input) e Switches (Switch). Per ognuno dei dispositivi utilizzati è disponibile un menu di scelta rapida diverso a cui è possibile accedere facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'icona corrispondente. È possibile disattivare o nascondere ognuno di questi in modo indipendente.

Figura 14.1. Mixer KMix

Mixer KMix

14.1.2. Controllo del volume GNOME

L'applet per il controllo del volume GNOME del desktop GNOME può essere integrata nel pannello GNOME. Fare clic sull'icona del pannello per controllare il volume degli altoparlanti mediante l'apposito dispositivo di scorrimento. Per disattivare l'output audio, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona e scegliere Mute (Disattiva audio). L'aspetto dell'icona di controllo del volume viene quindi modificato. Per riattivare l'output audio, fare di nuovo clic con il pulsante destro del mouse sull'icona e scegliere Mute (Disattiva audio) nel menu. Scegliere Open Volume Control (Apri Controllo volume) per accedere alle funzionalità avanzate del mixer, illustrate nella Figura 14.2, "Controllo del volume GNOME" (↑Applicazioni). Ogni dispositivo audio è dotato della propria scheda mixer.

Figura 14.2. Controllo del volume GNOME

Controllo del volume GNOME

14.1.3. alsamixer

È possibile eseguire alsamixer dalla riga di comando senza l'ambiente X. È quindi possibile controllare tutte le funzioni mediante tasti di scelta rapida. Una finestra alsamixer include sempre un'area informativa e le barre del volume dei dispositivi, identificate dai nomi corrispondenti.

Selezionare i dispositivi con e oppure N e P. Premere e oppure + e - per aumentare o ridurre il volume. Per controllare i canali stereo in modo indipendente, utilizzare Q, W e E per aumentare il volume e Z, X e C per ridurlo. È possibile modificare rapidamente il volume assoluto ricorrendo ai tasti numerici compresi tra 0 e 9, che corrispondono a valori compresi tra 0 e 90% del volume massimo. È possibile disattivare e riattivare qualsiasi controllo del mixer premendo M. Sotto i controlli disattivati viene visualizzata l'indicazione MM.

Sono disponibili tre diverse modalità di visualizzazione di alsamixer: Playback (Riproduzione), Capture (Cattura) e All (Tutti). Per default, alsamixer viene avviato in modalità Playback (Riproduzione) in cui vengono visualizzati solo i controlli rilevanti ai fini della riproduzione, ovvero Master Volume (Volume master), PCM, CD e così via. In Capture (Cattura) vengono visualizzati solo i controlli relativi alla registrazione. In All (Tutti) vengono visualizzati tutti i controlli disponibili. È possibile passare da una modalità di visualizzazione all'altra premendo rispettivamente F3, F4 ed F5 o commutarle utilizzando →|.

14.1.4. Aspetto delle applicazioni mixer

L'aspetto delle applicazioni mixer dipende dal tipo di scheda audio utilizzata. Alcuni driver, ad esempio quelli SB Live!, sono dotati di numerosi elementi del mixer regolabili, mentre in quelli delle schede audio professionali ai controlli possono corrispondere nomi completamente diversi.

14.1.4.1. Chip audio integrato su scheda

La maggior parte dei chip audio integrati su scheda PCI si basa sul codec AC97. Master (Master) consente di controllare il volume principale degli altoparlanti anteriori. Surround (Surround), Center (Centrale) e LFE (LFE) consentono di controllare rispettivamente gli altoparlanti posteriori, quello centrale e il subwoofer. Ognuno di questi elementi può essere disattivato e riattivato in modo indipendente. In alcune schede sono inoltre disponibili controlli indipendenti per il volume delle cuffie e dell'audio mono. Quest'ultimo viene utilizzato per gli altoparlanti integrati di alcuni computer portatili.

PCM consente di controllare il livello del volume interno della riproduzione WAVE digitale. PCM è l'acronimo di Pulse Code Modulation, ovvero uno dei formati dei segnali digitali. Anche questo controllo può essere attivato e disattivato in modo indipendente.

Altri volumi, ad esempio quelli di CD, Line (Linea), Mic (Mic) e Aux (Aux) consentono di controllare il volume di loopback dai rispettivi ingressi all'uscita principale. Questi controlli non hanno effetto sul livello di registrazione, ma solo su quello di riproduzione.

Per la registrazione, attivare lo switch Capture (Cattura). Si tratta dello switch di registrazione principale. Il volume di Capture (Cattura) fa riferimento all'ingresso scelto per la registrazione. Per default, questo switch è impostato su zero. È possibile scegliere un'origine di registrazione, ad esempio Line (Linea) o Mic (Mic). L'origine di registrazione è esclusiva e non è quindi possibile selezionarne più di una alla volta. Mix (Mix) è un'origine di registrazione speciale, che consente di registrare il segnale attualmente in riproduzione da tale origine.

La disponibilità di effetti speciali, ad esempio 3D o bassi e alti, dipende dal chip del codec AC97.

14.1.4.2.  Famiglia Audigy e SoundBlaster Live!

SoundBlaster Live! e SB Audigy1 sono dotate di numerosi controlli mixer per i rispettivi chip del codec AC97 e il motore DSP. Oltre ai controllo già descritti, queste schede offrono i volumi Wave (Wave), Music (Musica) e AC97 (AC97) che consentono di controllore l'instradamento interno del segnale e l'attenuazione del mix AC97, di PCM e della wavetable MIDI. Mantenere il volume al 100% per ascoltarli tutti. SB Audigy2 offre, a seconda del modello, meno controlli rispetto alla SB Live!, ma è comunque dotata dei controlli Wave (Wave) e Music (Musica).

La registrazione su SB Live! è analoga a quella dei chip integrati su scheda. È possibile scegliere Wave (Wave) e Music (Musica) come origini di registrazione aggiuntive per registrare i segnali PCM e wavetable in riproduzione.

14.1.4.3. Dispositivi audio USB

I dispositivi audio USB sono in genere dotati di un numero limitato di controlli mixer. Talvolta addirittura di nessuno. La maggior parte dei dispositivi dispone di uno switch di controllo Master (Master) o PCM che consente di regolare il volume di riproduzione.

14.1.5. Mixer per il chip audio Envy24

envy24control è un'applicazione mixer per schede audio che utilizzano il chip Envy24 (ice1712). La flessibilità del chip Envy24 può determinare una variazione delle funzionalità in schede audio differenti. Le informazioni più aggiornate su questo chip audio sono disponibili in /usr/share/doc/packages/alsa-tools/envy24control. Per utilizzare envy24control, installare il pacchetto alsa-tools-gui.

Figura 14.3. Monitor e mixer digitale di envy24control

Monitor e mixer digitale di envy24control

Nel Monitor Mixer (Mixer monitor) di envy24control vengono visualizzati i livelli dei segnali di cui è possibile eseguire il mix digitale nella scheda audio. I segnali indicati come PCM Out (PCM Out) vengono generati da applicazioni che inviano dati PCM alla scheda audio. I segnali degli input analogici vengono visualizzati in H/W In (H/W In). Gli input S/PDIF sono riportati a destra. Impostare i livelli di input e output dei canali analogici in Analog Volume (Volume analogico).

Utilizzare i dispositivi di scorrimento Monitor Mixer (Mixer monitor) per il mix digitale. I rispettivi livelli vengono visualizzati in Digital Mixer (Mixer digitale). Per ogni canale di output, l'opzione Patchbay contiene una fila di pulsanti di scelta per la selezione dell'origine del canale desiderata.

Modificare l'amplificazione per i convertitori analogico-digitale e digitale-analogico in Analog Volume (Volume analogico). Utilizzare i dispositivi di scorrimento DAC per i canali di output e quelli ADC per i canali di input.

Le impostazioni dei canali S/PDIF vengono definite in Hardware Settings (Impostazioni hardware). Le modifiche del volume determinano un ritardo da parte del chip Envy24 che può essere configurato con Volume Change (Modifica volume).